LO STATUTO

STATUTO

di "A.P.G. - Associazione Professionisti Grafologi"

Articolo 1

COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE

Il giorno 04 Febbraio 2020, presso la sede sociale di Via Montegrappa n. 141 - 71121 Foggia, tra i signori

Associati Fondatori:

1) Gaetana Longo, Avvocato, Grafologo Giudiziario e dell'Età Evolutiva, Rieducatore della scrittura, nata il 21/12/1964 a Foggia e residente a Foggia in Corso Roma n. 204 - 71121 FG; Cod. Fisc. LNGGTN64T61D643D

2) Maria Losito, Grafologo Giudiziario, nata il 30/04/1965 a Foggia e residente a Foggia in Via Michele Menichella n. 8 - 71121 FG; Cod. Fisc. LSTMRA65D70D643Q

3) Francesca Santino, Laureata in Giurisprudenza, Grafologo Giudiziario e dell'Età Evolutiva, Rieducatore della scrittura, nata il 04/09/1969 a Roma e residente a Foggia in Via Giuseppe Rosati n. 159 - 71121 FG; Cod. Fisc. SNTFNC69P44H501W

Si è costituita l'Associazione senza fini di lucro, con attività esterna, denominata "A.P.G. - Associazione Professionisti Grafologi".

Articolo 2

SEDE

L'associazione "A.P.G. - Associazione Professionisti Grafologi" ha sede sociale a Foggia in ViaMontegrappa, - 71121 FG, con possibilità di istituire sedi secondarie e/o succursali.

Articolo 3

DURATA

L'Associazione ha durata illimitata.

Articolo 4

SCOPO E OGGETTO

Scopo. L'Associazione opera senza fini di lucro e deve considerarsi ente non commerciale. Si esclude l'esercizio di qualsiasi attività commerciale che non sia svolta in maniera marginale e comunque ausiliaria, secondaria o strumentale al perseguimento dello scopo istituzionale.

Lo scopo istituzionale dell'Associazione è quello di promuovere, divulgare e approfondire la scienza grafologica e i suoi diversi campi di applicazione, attraverso attività di utilità socio/culturali/formative, da svolgere a favore dei propri associati come pure di terzi nel pieno rispetto della libertà e dignità degli Associati, ispirandosi a principi di democrazia ed uguaglianza dei diritti di tutti gli Associati.

Le attività sono svolte dall'Associazione prevalentemente tramite le prestazioni fornite dai propri associati.

Oggetto. L'Associazione, per il raggiungimento dello scopo istituzionale, provvederà:

a) a promuovere e svolgere attività didattico-formativa nell'ambito della prevenzione primaria delle diverse forme di disagio personale e interpersonale, di insuccesso scolastico, di difficoltà relazionale (bullismo, cyber-bullismo.....);

b) a promuovere e svolgere attività di formazione e aggiornamento teorico-pratico, seminariale, di studio, di ricerca nell'ambito della Grafologia professionale applicata all'indagine peritale, all'età evolutiva, al disegno infantile, ai disturbi specifici dell'apprendimento, alla rieducazione della scrittura, familiare, di coppia, attitudinale, orientamento scolastico e professionale.

c) a produrre, organizzare e promuovere manifestazioni, seminari e convegni con l'intento di far conoscere, promuovere, valorizzare e approfondire tutto ciò che afferisce la disciplina grafologica;

d) partecipare a manifestazioni, seminari, convegni, corsi di formazione o di aggiornamento professionale afferenti la disciplina grafologica;

e) svolgere attività editoriale a stampa e su altri supporti attraverso la pubblicazione di atti di convegni, di seminari, nonché degli studi e delle ricerche compiute nell'ambito degli scopi perseguiti dall'Associazione;

f) organizzare e promuovere corsi di formazione e di aggiornamento teorico/pratici per studenti, consulenti grafologi, insegnanti, operatori sociali e affini, con rilascio di attestato di partecipazione e riconoscimento di crediti formativi;

g) organizzare e promuovere partnership e/o collaborazioni e/o consulenze con Enti Pubblici e Privati, associazioni, imprese, ed aziende sia nazionali che internazionali che operano nel settore grafologico, didattico educativo, culturale e affini.

Per il conseguimento delle finalità statutarie l'Associazione può compiere le necessarie operazioni, di qualsiasi natura, avvalendosi di tutte le normative regionali, nazionali e comunitarie. Fra queste operazioni, senza alcuna esclusione, essa potrà:

a) compiere le operazioni bancarie necessarie all'attuazione dello scopo;

b) assumere partecipazioni in altri organismi similari che perseguono finalità in ambiti affini ai propri;

c) avvalersi della collaborazione e stipulare convenzioni e contratti finalizzati al raggiungimento dei propri scopi sociali con Enti e soggetti pubblici e privati, nazionali ed internazionali;

d) promuovere tutte quelle attività che abbiano ad oggetto materie che rientrano nello scopo fondamentale dell'Associazione;

e) avvalersi di ogni tipo di finanziamento, erogato, in qualsiasi forma, da istituzioni ed enti pubblici o privati, nazionali ed internazionali.

Articolo 5

PATRIMONIO DELL'ASSOCIAZIONE

Il patrimonio dell'Associazione è formato:

a) dalle quote d'iscrizione da effettuarsi nella misura che sarà di volta in volta stabilita dall'assemblea;

b) dalle quote associative che ciascun associato è tenuto a versare all'inizio di ogni anno nella misura che sarà stabilita dall'assemblea;

c) dai residui attivi di gestione;

d) da elargizioni da parte di soci o di terzi, siano essi pubblici o privati.

E' vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonchè fondi, riserve o capitale durante la vita dell'Associazione.

Articolo 6

ASSOCIATI

In generale possono entrare a far parte dell'associazione le persone fisiche e/o enti esercenti attività coerenti con il presente statuto, che per l'attività concretamente svolta e per l'esperienza acquisita, possano contribuire, a giudizio del Consiglio direttivo, alla più proficua realizzazione degli scopi dell'Associazione.

Il numero degli associati è illimitato.

Può diventare associato qualunque persona fisica, persona giuridica o Ente non avente scopo di lucro o economico che si riconosca nel presente Statuto.

Agli aspiranti associati è richiesta l'accettazione dello Statuto e di eventuali regolamenti interni.

Lo status di associato una volta acquisito ha carattere permanente.

Gli associati si dividono nelle seguenti categorie:

a) Associati Fondatori: sono quanti hanno partecipato alla costituzione dell'Associazione, nonché coloro ai quali tale qualifica venga espressamente conferita in ragione di particolari meriti dal Consiglio Direttivo, a maggioranza dei componenti; ad essi spettano le prerogative fissate nel presente Statuto;

b) Associati Ordinari: coloro che avendone fatto domanda sono stati ammessi dal Consiglio Direttivo;

c) Associati Sostenitori: sono gli enti ed i privati che contribuiscono finanziariamente al funzionamento dell'Associazione, mediante la messa a disposizione di strutture edilizie od operative e/o un contributo finanziario, nella misura concordata con il Consiglio Direttivo.

d) Associati Onorari: sono tutte le persone fisiche che hanno contribuito in maniera significativa alla riuscita delle attività dell'Associazione o che abbiano acquisito meriti particolari nell'ambito delle attività promosse. L'Associato onorario viene proposto come tale all'Assemblea dei Soci dalla maggioranza semplice del consiglio direttivo con documento scritto e motivato. L'Associato onorario non è assoggettato ad alcuna quota associativa. Ha diritto di voto all'assemblea dei Soci e rimane in carica per tutta la durata dell'Associazione, salvo revoca con votazione del consiglio direttivo a maggioranza semplice.

Articolo 7

DOMANDA DI AMMISSIONE

Per essere ammessi è necessario presentare domanda al Consiglio Direttivo menzionando il proprio nome, cognome, codice fiscale, indirizzo, luogo e data di nascita unitamente all'attestazione di accettare ed attenersi allo Statuto, l'eventuale regolamento interno e alle deliberazioni degli organi sociali.

La domanda di ammissione sarà considerata accolta quando otterrà i 2/3 del Consiglio direttivo.

Nel caso di domanda presentata da soggetti diversi dalle persone fisiche, essa dovrà essere presentata dal legale rappresentante pro-tempore del soggetto che richiede l'adesione.

L'annotazione nel libro degli Associati sarà effettuata a fronte del regolare versamento della quota di iscrizione all'Associazione da parte del candidato ammesso.

Articolo 8

DIRITTI E OBBLIGHI DEGLI ASSOCIATI

Diritti. Tutti gli Associati hanno il diritto di:

a) intervenire alle riunioni dell'Assemblea, sia in sessione ordinaria sia straordinaria;

b) esprimere il proprio voto nelle delibere dell'Assemblea;

c) partecipare alle attività ed alle iniziative dell'Associazione;

d) in generale, esercitare tutte quelle facoltà loro riconosciute dal presente statuto e godere delle agevolazioni ivi previste.

e) ad eleggere ed essere eletti membri degli organismi dirigenti. Nel caso di persone giuridiche o Enti il diritto di accedere alle cariche associative è riconosciuto in capo ai loro legali rappresentanti o mandatari.

Obblighi. Tutti gli Associati hanno l'obbligo di:

- corrispondere la Quota associativa annuale fissata dal Consiglio Direttivo in funzione dei programmi di attività.;

- partecipare attivamente alle attività dell'Associazione necessarie al raggiungimento dei suoi fini;

- non tenere comportamenti o rilasciare dichiarazioni idonee a ledere il buon nome ed il prestigio dell'Associazione;

- rispettare tutte le disposizioni dell'atto costitutivo dell'Associazione e del presente statuto, nonché i regolamenti interni e le deliberazioni validamente adottati dagli organi dell'Associazione.

La quota sociale rappresenta un versamento periodico obbligatorio a sostegno economico del sodalizio e non costituisce pertanto titolo di proprietà o di partecipazione a proventi, né è trasmissibile o rimborsabile né rivalutabile.

Articolo 9

PERDITA DELLA QUALITA' DI ASSOCIATI

La qualità di Associato si perde per recesso, per esclusione od estinzione.

L'Associato cessato o i suoi successori od aventi causa non hanno diritto alla restituzione delle quote e/o contributi versati sino a quel momento all'Associazione.

La perdita della qualifica di Associato comporta la cancellazione dal Libro degli Associati.

Articolo 10

RECESSO

Ogni Associato può recedere in qualsiasi momento dall'Associazione, dandone comunicazione scritta al Presidente dell'Associazione a mezzo lettera raccomandata a. r. e/o posta certificata.

Articolo 11

ESCLUSIONE

L'Assemblea in sessione ordinaria delibera a maggioranza semplice dei presenti l'esclusione dell'Associato qualora questi:

a) non ottemperi o non si uniformi alle disposizioni del presente statuto, ai regolamenti interni e alle deliberazioni validamente adottate dagli organi dell'Associazione;

b) quando in qualunque modo arrechi o possa arrecare gravi danni anche morali all'Associazione;

Decadenza dalla qualità di Associato. Il mancato pagamento della quota associativa annuale entro due mesi decorrenti dall'inizio dell'esercizio sociale, o dal diverso termine stabilito per la corresponsione, comporta l'automatica decadenza dell'Associato senza necessità di alcuna formalità.

Ogni provvedimento di esclusione dovrà essere ratificato dalla prima assemblea ordinaria che verrà convocata. A tale Assemblea dovrà essere invitato il Socio escluso col quale si procederà in contraddittorio ad una disamina degli addebiti che hanno portato all'esclusione.

L'Associato non ha diritto di voto sulla delibera che riguarda la sua esclusione.

I Soci receduti, decaduti o esclusi non hanno diritto al rimborso dei contributi associativi versati.

Eventuali riammissioni saranno deliberate dal Consiglio Direttivo.

Articolo 12

ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE

Sono organi essenziali e obbligatori dell'Associazione:

a) l'Assemblea degli Associati;

b) il Consiglio Direttivo;

c) il Presidente;

d) il Vicepresidente.

Articolo 13

ASSEMBLEA DEGLI GLI ASSOCIATI

Composizione. L'Assemblea è composta dagli Associati iscritti nel Libro degli Associati al momento della spedizione dell'avviso di convocazione. Possono partecipare all'Assemblea tutti gli Organi dell'Associazione.

Luogo della convocazione. Le assemblee sono tenute di regola presso la sede sociale, salva diversa determinazione del Consiglio Direttivo che può fissare un luogo diverso.

Tempo della convocazione. L'Assemblea deve essere convocata dal Presidente dell'Associazione almeno una volta all'anno per l'approvazione della situazione patrimoniale. Può inoltre essere convocata ogni qualvolta ne ravvisi l'opportunità il Consiglio Direttivo.

Deve inoltre essere convocata, nel termine di un mese dalla comunicazione della richiesta, quando lo richiedano almeno due terzi degli Associati Fondatori o due quinti degli Associati Ordinari, sempre che siano specificati gli argomenti da trattare e questi rientrino nelle competenza dell'Associazione.

Modalità di convocazione. L'Assemblea è convocata dal Presidente dell'Associazione mediante avviso, anche per via elettronica, da spedirsi al domicilio degli Associati almeno quindici giorni prima di quello fissato per l'adunanza. L'avviso dovrà contenere l'indicazione del giorno, dell'ora e del luogo della riunione, nonché l'elenco degli argomenti da trattare.

Rappresentanza in Assemblea. Ogni Associato ha diritto di intervenire all'Assemblea. I soggetti che hanno diritto di intervenire possono farsi rappresentare anche con delega scritta non autenticata. Spetta al Presidente constatare la regolarità delle deleghe e il diritto di intervento all'Assemblea.

Presidenza dell'Assemblea e verbalizzazioni. La Presidenza dell'Assemblea compete al Presidente dell'Associazione o, in caso di sua assenza, al Vicepresidente. Le deliberazioni dell'Assemblea devono risultare dal verbale redatto dal Vicepresidente e controfirmato dal Presidente.

Validità delle riunioni e delle delibere. L'Assemblea è validamente costituita con la presenza della maggioranza degli Associati in prima convocazione e quale che sia il numero dei presenti in seconda convocazione e delibera a maggioranza dei presenti, salvo quanto diversamente stabilito in questo Statuto.

In ogni caso tutte le delibere adottate dall'Assemblea dell'Associazione si considerano non approvate ove abbiano votato contro almeno due degli Associati Fondatori.

Formazione delle delibere. Ciascun Associato ha diritto ad un voto. Le deliberazioni sono prese in modo palese, per alzata di mano.

Attribuzioni dell'Assemblea. L'Assemblea:

a) approva la relazione del Consiglio direttivo sull'attività svolta dall'Associazione e il rendiconto finale di tale attività entro il 30 aprile;

b) approva il rendiconto preventivo e il programma delle attività entro il 30 novembre;

c) elegge i membri del Consiglio Direttivo;

d) approva eventuali regolamenti;

e) delibera sull'esclusione degli Associati;

f) delibera su tutti gli altri oggetti che a norma di legge e di Statuto sono riservati alla sua competenza o che siano sottoposti al suo esame dal Consiglio Direttivo;

Articolo 14

CONSIGLIO DIRETTIVO

Composizione, nomina e durata. Il Consiglio direttivo è composto di un numero di membri variabile da un minimo di tre ad un massimo di cinque, eletti dall'Assemblea.

Sono membri di diritto del Consiglio direttivo gli Associati Fondatori.

Il Consiglio Direttivo dura in carica fino a revoca e i suoi sono rieleggibili senza limiti.

Attribuzioni. Il Consiglio direttivo:

a) elegge nel proprio seno un Presidente e un Vicepresidente dell'Associazione con il voto favorevole di tutti gli Associati Fondatori.

b) esegue le deliberazioni dell'Assemblea;

c) provvede all'amministrazione ordinaria e straordinaria dell'Associazione, adottando tutte le deliberazioni e compiendo tutti gli atti che ritenga opportuni per l'attuazione e il raggiungimento degli scopi dell'Associazione, fatti salvi i poteri del presente Statuto riservati all'Assemblea;

d) delibera sull'ammissione di nuovi Associati;

e) determina l'ammontare dei contributi annuali in denaro o servizi e competenze, da porre a carico degli Associati;

f) predispone gli atti e le deliberazioni da sottoporre all'approvazione dell'Assemblea;

g) predispone e sottopone all'Assemblea degli Associati, per l'approvazione, la relazione sull'attività svolta ed il rendiconto finale;

h) predispone e sottopone all'Assemblea degli Associati, per l'approvazione, almeno tre mesi prima dell'inizio dell'esercizio sociale, il rendiconto di previsione e il programma di attività;

i) predispone e modifica il regolamento dell'Associazione;

l) propone, quando la situazione finanziaria dell'Associazione lo richieda, il versamento di altri contributi da parte degli Associati;

m) delibera, qualora lo ritenga necessario, la prestazione di idonee garanzie, anche fidejussorie, nell'interesse dell'Associazione;

n) delibera su ogni altro argomento sottoposto dal Presidente;

o) svolge tutte le ulteriori incombenze allo stesso attribuite dalla legge e da questo Statuto.

Articolo 15

IL PRESIDENTE

Attribuzioni e poteri. Il Presidente è il legale rappresentante dell'Associazione e pertanto la rappresenta in tutti gli atti civili e giudiziari e nei rapporti con gli Associati, con i terzi e con le autorità.

Il Presidente inoltre provvede:

a) a presiedere e convocare l'Assemblea ed il Consiglio direttivo;

b) a svolgere tutte le incombenze a lui attribuite dalla legge, da questo Statuto o dal Consiglio Direttivo.

Sostituzione del Presidente. In assenza od impedimento del Presidente, le sue funzioni sono svolte dal Vicepresidente.

Articolo 16

LIBRI DELL' ASSOCIAZIONE

Oltre i libri e le scritture contabili previsti dalla normativa fiscale, in quanto applicabile, l'Associazione deve tenere:

a) il libro degli Associati;

b) il libro dei verbali dell'Assemblea;

c) il libro dei Verbali del Consiglio direttivo.

Tali documenti sociali, conservati presso la sede sociale, sono messi a disposizione degli associati per la consultazione; chi desidera avere copia dei documenti dovrà farsi carico delle relative spese.

Articolo 17

SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE

Scioglimento. L'Associazione si scioglie:

a) per deliberazione dell'Assemblea Straordinaria con il voto favorevole dei due terzi degli Associati e il voto favorevole di tutti gli Associati Fondatori;

b) a seguito del recesso della maggioranza degli Associati Fondatori;

Liquidazione. Addivenendosi per qualsiasi ragione allo scioglimento dell'Associazione, l'Assemblea determinerà le modalità della liquidazione e nominerà un Liquidatore fissandone i poteri, anche per quanto riguarda la destinazione dei fondi residuali, ed il compenso. In caso di scioglimento dell'Associazione il patrimonio residuo, pagati tutti i debiti, verrà devoluto ad altra associazione avente finalità analoga, in conformità a quanto deliberato dall'assemblea.

Articolo 18

NOMINA CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo, che durerà in carica fino a revoca, è stato nominato nell'Atto Costitutivo e si compone di numero 3 membri nelle persone dei seguenti signori:

1) Dott. Gaetana Longo, Avvocato, Grafologo Giudiziario e dell'Età Evolutiva, Rieducatore della scrittura, nata il 21/12/1964 a Foggia e residente a Foggia in Corso Roma n. 204 - 71121 FG; Cod. Fisc. LNGGTN64T61D643D

2) Maria Losito, Grafologo Giudiziario, nata il 30/04/1965 a Foggia e residente a Foggia in Via Michele Menichella n. 8 - 71121 FG; Cod. Fisc. LSTMRA65D70D643Q

3) Francesca Santino, Laureata in Giurisprudenza, Grafologo Giudiziario e dell'Età Evolutiva, Rieducatore della scrittura, nata il 04/09/1969 a Roma e residente a Foggia in Via Giuseppe Rosati n. 159 - 71121 FG; Cod. Fisc. SNTFNC69P44H501W.

Il Consiglio Direttivo ha inoltre nominato nell'Atto Costitutivo il Presidente dell'Associazione, nella persona di Gaetana Longo, e il Vicepresidente, nella persona di Maria Losito.

Articolo 19

ANNO ASSOCIATIVO

L'anno associativo va dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno e coincide con l'anno solare.

Articolo 20

DISPOSIZIONI GENERALI

Per tutto quanto non espressamente contemplato dal presente Statuto, l'Associazione è disciplinata dalle disposizioni del Codice Civile e dalle norme di legge vigenti in materia.